REX SHEPHERD jazz & avant-garde

Susy Marinelli 27 ago 2020
La sensibilità di Rex Shepherd, il suo impeccabile tocco e il gusto raffinato, fanno di lui un musicista di spicco della scena jazz e avant-garde di caratura internazionale...

Tocco originale, improvvisazione, sperimentazione e capacità di combinare gli stili più diversi – nelle vesti di solista ed anche in quelle di leader dei No End Now – sono i punti di forza di Rex Shepherd (Wilmington, Delaware 7 aprile 1965): tutti ben evidenti nelle sue tre odierne uscite discografiche.

Rex, infatti, è il protagonista di tre release discografiche uscite da pochi mesi: Duets, una manciata di vecchi brani inediti rielaborati col bassista John Tschirhart; Ohio, album all’insegna dell’improvvisazione col supporto di Don Volenik (tromba), Alex Henry (sassofono) e Mike Hovancsec (koto) ed infine Sonority, di nuovo con John Tschirhart, le cui tracce, in bilico tra jazz blues e rock, affrontano i delicati temi legati all’attuale situazione politica statunitense.

Pubblicare tre album assieme deve essere stata una mole di lavoro non indifferente... Come ti è venuta questa idea?
Sono solito registrare quel che suono e compongo in studio e, negli ultimi cinque anni, mi sono trovato con un bel po’ di materiale, ...
l'articolo continua  

info intervista

REX SHEPHERD

© 2016 Il Volo Srl Editore - All rights reserved - Reg. Trib. n. 115 del 22.02.1988 - P.Iva 01780160154