ROBBEN FORD Night In The City

di Dario Guardino
01 febbraio 2024

recensione

ROBBEN FORD
Night In The City
earMusic
Night In The City documenta lo show di Robben Ford con la sua band al City Winery di Nashville, poco dopo le restrizioni imposte dalla pandemia. “Era passato talmente tanto tempo da quando avevo fatto un vero e significativo show, che le aspettative erano davvero parecchie. La sensazione di essere sul filo del rasoio aveva tenuto tutti sulle punte dei piedi ed il pubblico aveva una gran voglia di divertirsi…”

Ad affiancare il chitarrista californiano in quello show vi è una super lineup, composta da Nate Smith alla batteria, Anton Nesbit al basso, Jeff Ciffin e Jovan Quallo al sax, ed il live in questione, egregiamente registrato, propone un mix di materiale risalente ad album come A Day In Nashville (Just Another Country Road) e Purple House (Cotton Candy), una traccia aggiuntiva intitolata At The Apollo, oltre a parecchi brani apparsi su Pure (2021), l’ultimo lavoro in studio di Ford che egli stesso aveva definito una sua estensione pura.  

Proposto in confezione digipack, ma anche in vinile, Night In The City è introdotto dallo strumentale Go, un brano di lunga...

l'articolo continua...

durata interpretato da uno spirito da jam, sostanzialmente strutturato sulla giustapposizione di due accordi, sui quali Ford improvvisa accompagnando con la classica implacabile ritmica le scorribande solistiche di Jeff Ciffin e Jovan Quallo.
Con lo strumentale Blues For Lonnie Johnson la scaletta torna al primo amore di Ford, il blues, e pare proprio di respirare le atmosfere di quegli imperdibili album live registrati al fianco dell’immenso e mai dimenticato Jimmie Whiterspoon al microfono; album che i giovani chitarristi dovrebbero necessariamente conoscere.

Cotton Candy, così come il sornione Just Another Country Road, sono gli unici due brani cantati della scaletta, con quest’ultimo che regala un assolo da incorniciare, sciorinando alcuni fraseggi a base di minore melodica da leccarsi i baffi per quello che, a livello solistico, è probabilmente il momento più alto dell’intero album. Se qualcuno ultimamente aveva accusato Ford di aver perso il tipico graffio dei bei tempi, sostituito da un songwriting meno articolato e basato su vamp di lunga durata, con Night In The City avrà motivo di ricredersi; un album, infatti, imperdibile sotto tutti i profili, la fotografia di un artista nel pieno della maturità musicale ed in forma smagliante… con “quel graffio” che dimostra di non avere certo perso.

Podcast

Album del mese

BIG BIG TRAIN
The Likes Of Us
InsideOut Music

È Alberto Bravin (con la PFM dal 2015 al 2022) ad ereditare il microfono di Longdon e ad accompagnare la band verso il futuro con...

GERALD GRADWOHL
...Or What?
Bandcamp.com

Gradwohl suona con Convington sin dal 2002, dalle registrazioni di ABQ (featuring Bob Berg e Gary Willis), un album che mette un marcato segno nella...

REMEDY
Pleasure Beats The Pain
Escape Music

Il quintetto di Stoccolma pubblica la seconda prova discografica – Pleasure Beats The Pain – per un viaggio di dieci tracce tra melodie avvolgenti, riff...