NINE INCH NAILS "Bad Witch"

Francesco Sicheri 01 set 2018
Tanti, forse troppi, probabilmente tutti, gli aggettivi utilizzati fino ad oggi per provare a dipingere (o perlomeno circoscrivere) la natura musicale dei Nine Inch Nails non sono bastati per rendere giustizia a ciò che Trent Reznor è riuscito a creare nel corso del tempo. Bad Witch è il terzo ed ultimo EP della trilogia iniziata due anni fa con Not The Actual Events e proseguita con Add Violence. La gestazione di Bad Witch non è stata delle più semplici o lineari, soprattutto perché l’entrata in studio di Reznor e soci non è stata accompagnata da una grande mole di materiale già pronto per essere inciso. Che questo abbia giovato all’intero processo? Molto probabile.

Bad Witch dovrebbe essere considerato un EP, ma i trenta minuti che lo compongono hanno immediatamente fatto gridare al miracolo i tanti fan di Reznor, da tempo in attesa di un nuovo long play. La verità è che la mezzora di musica firmata NIN arriva come il perfetto lenitivo per curare l’assenza dagli scaffali della band, ma soprattutto consegna nelle nostre mani la tanto agognata e più che degna celebrazione di una carriera spesa rincorrendo continuamente ...
l'articolo continua  

info recensione

Nine Inch Nails
Bad Witch
Capito Records
nuovi mondi sonori.

Il nuovo EP dei Nine Inch Nails segna i trent’anni di attività del progetto: 30, cifra che appare impossibile anche soltanto da immaginare quando legata a Reznor, e questo accade proprio perché l’intraprendenza sonora messa in campo fino ad oggi ha sempre proiettato la band in una sfera atemporale e apparentemente immune allo scorrere dei giorni. Bad Witch sottolinea questa indole cangiante e mutevole, e lo fa con una violenza a tratti insopportabile per quanto sorniona e dalle movenze sinuose.

Dal synth pop di Over and Out per approdare alle spinte industrial di Ahead of Ourselves, Bad Witch non solo rappresenta al meglio tutte le anime musicali di Reznor, ma le amplifica e le trasmette in una forma articolata ed in grado di riempire ogni cellula che compone lo spazio d’ascolto. Bad Witch è denso ma comunque in grado di graffiare, apre squarci sonori per poi infilarcisi ed esplodere sottopelle. Siamo di fronte ad un lavoro maturo, eppure - in qualche modo non completamente chiaro così da essere compreso - fresco di una voglia di ricerca che solitamente non dialoga bene con la coscienza dell’età adulta. Got a new face, it feels alright, recita Reznor in Shit Mirror, e nient’altro potrebbe racchiudere più semplicemente la natura di un album che in maniera epicamente sommessa riporta sulle scene una delle più coraggiose e temerarie idee che i generi “estremi” abbiano mai visto. Lunga vita al Re.

© 2016 Il Volo Srl Editore - All rights reserved - Reg. Trib. n. 115 del 22.02.1988 - P.Iva 01780160154