MARC RIBOT Nelle mie corde

di Umberto Poli
04 dicembre 2023

recensione

Marc Ribot
Nelle mie corde
Edizioni SUR
Lo spettro dei miei primi traumi musicali aleggia ancora sulle manopole del volume, spingendomi a compiere gesti eccessivi, proprio come i ricordi delle privazioni infantili attiravano mia nonna verso il frigo anche quando aveva già la pancia piena…” Pensateci bene. Qual è il vostro primo ricordo associato a Marc Ribot? Nel caso di chi scrive, la memoria scoperchia un cassetto da cui scaturisce il suono dissacrante e tagliente del solo centrale diClap Hands di Tom Waits. Una rasoiata elettrica. Siamo nel 1985 e, a partire da quel disco capolavoro, uno dei tanti della produzione del songwriter americano, le dita di Ribot avrebbero accompagnato ancora e ancora Waits firmando , e sancendo a tutti gli effetti un memorabile sodalizio artistico , tanti dei picchi della sua discografia del periodo Island e A nti -. Ma non solo. E infatti è possibile c he, per altri, Marc Ribot possa essersi palesato per la prima volta nelle scene con cui si apre una delle pellicole dedicate al b lues prodotte da Martin Scorsese ; più nel dettaglio , quella del regista tedesco Wim Wenders del 2003 : l uci soffuse, un a chitarra...

l'articolo continua...

acustica logora e scarna, Marc Ribot seduto su una sedia in preda a contorsioni e mugolii, il fantasma di Blind Willie Johnson nell’aria, rievocato da una versione da manuale della leggendariaDark Was The Night, Cold Was The Ground .

Ad altri ancora, infine, il chitarrista e sideman originario di Newark, New Jersey, farà venire in mente Vinicio Capossela e alcune famose partecipazioni a brani comeIl ballo di San Vito oBilly Budd; le collaborazioni con Alison Krauss e Robert Plant ( … cercate tra gli scaffali della vostra discografiaRaise The Roof ) ; gli album targati Ceramic Dog o, last but not least, le connessioni che legano il chitarrista statunitense ad una vera e propria autorità per quel che riguarda la classic musica di Haiti, che risponde al nome di Frantz Casseus. L’elenco potrebbe essere ancora lungo.

Musicista eclettico, versatile, aperto ad ogni tipo di orizzonte musicale;dalla classica al blues, dal jazz sperimentale al noise,Marc Ribot(classe 1954)è uno dei primi nomi a cui solitamente si pensa quando si vuol far riferimento a suoni, passaggi e tessiture chitarristiche etichettabili come “strane”. Così strane da risultare al contempo intriganti, ricche di fascino e, ascolto dopo ascolto,indimenticabili.

Ribot, come tutti i più grandi musicisti di ogni tempo,haun tocco unico, una firma chiara e uno stile a dir poco inconfondibile. E questo, che si gusti il suo playing mentre imbraccia l’ormai iconica chitarra acustica Gibson HG-00 Sunburst del 1937,oppure una Gibson SG rosso fuoco, una Gibson ES-125TDC del 1962, una Gretsch G6122T-59 Vintage Select Edition '59 Chet Atkins,oppureuna Harmony H-44 Stratotone…magaricollegate a un rovente Fender ’65 Deluxe ReverbAmp.

Ciao. Mi chiamo Marc. Sono un chitarrista che si spara amplificatori a tutto volume dritto in faccia. Spesso e volentieri…” Ecco come si presenta lo stesso Ribot nel suo recente esordio letterario dal titoloNelle mie corde ; un chitarrista noise, rumoroso e scomodo fino al midollo (basti ricordare in suoi numerosi interventi a favore delle royalties dei musicisti e le lotte per i diritti civili) ma anche delicato e passionale, capace di invenzioni melodiche tanto semplici, a volte, quanto disarmanti in termini di bellezza. Già … perché sia chiaro , Marc Ribot è oggi uno dei più richiesti e stimati chitarristi su scala mondiale. Elvis Costello, John Zorn, Diana Krall, Allen Toussaint, Caetano Veloso, Madeleine Peyroux, il già citato Tom Waits , sono solo alcuni dei grandi nomi a cui la chitarra di Ribot si è affiancata nel corso degli ultimi quattro decenni fino a sfociare, in tempi recentissimi, anche nel campo della moda: suo è infatti il suono che ha accompagnato la sfilata di Gucci a Milano per la presentazione della nuova collezione uomo autunno-inverno.

Definito libro-mondo così come anche libro-mente e libro-collage,Nelle mie corde potrà letteralmente spalancare, pagina dopo pagina, le convinzioni di chi, a proposito di Ribot, credeva di conoscere tutto (o quasi) e potrà indubbiamente saziare la sete di conoscenza dei tanti chitarristi che come lui amano suonare a volumi esagerati. Un libro che è tante cose, dunque, ma forse in fondo anche un vademecum per accompagnar e il lettore , in maniera divertente (e divertita) tra gli aneddoti, gli sproloqui, i racconti e le esperienz e di vita e musica di un professionista della sei corde tanto colto quanto imprescindibile.
Nelle mie corde ha tutta l’onestà, l’originalità d’approccio, la bellezza e il fragore che troviamo nella musica di Marc Ribot …” – Elvis Costello


Ceramic Dog,Connection(Yellowbird, 2023) E’ i l nuovo disco di Marc Ribot (voce/chitarra) alla guida di Ceramic Dog, il trio che lo vede accanto a Shahzad Ismaily al basso e Ches Smith, alla batteria: premiata ditta free jazz, punk, noise che dal 2008 porta avanti la propria filosofia a base di ibridazione di generi, imprevedibilità, sperimentazioni e groove. Uscito quasi in contemporanea a l libro di Ribot Nelle mie corde , l’album è l’ultima fatica in studio del poderoso trio . Come i predecessori, anche in questo disco non mancano le immersioni nelle acque torbide di un blues distorto, melmoso e rivisitato (la titletrack, posta all’inizio della scaletta), le incursioni in territorio latin (Ecstacy ), le atmosfere da western apocalittico della lungaSwan , con tanto di slide, e una sorta di singolare omaggio al carnevale di Rio De Janeiro in chiusura (Crumbia ). Da ascoltare assieme ad un utile ripasso dei capitoli precedenti: in particolar modo,Party Intellectuals (2008) eYRU Still Here? (2018).

Umberto Poli

Podcast

Album del mese

RUBBER BAND
About Time
GT Music

Si intitola About Time il nuovo album della Rubber Band, ed è una limpida fotografia delle influenze di cui si nutrono da oltre venti anni:...

SILVIO BARISONE
Multicolor
Preludio Music

Parlando del precedente lavoro di Silvio Barisone, Inside, uscito nel 2021, avevamo fatto accenno al caleidoscopico universo sonoro che contraddistingue da sempre l’autore: un...

DAVIDE MASTRANGELO
Sussidiario di Chitarra Fingerstyle
Wakepress

Chitarrista, insegnante, compositore e arrangiatore, Davide Mastrangelo è considerato uno dei riferimenti della chitarra acustica fingerstyle sul territorio nazionale. ...