COCO MONTOYA Writing On The Wall

di Dario Guardino
01 febbraio 2024

recensione

COCO MONTOYA
Writing On The Wall
Alligator Records
All’inizio degli Ottanta John Mayall vede Coco Montoya suonare in un club; affascinato dal suo appassionato guitar playing, lo invita ad unirsi agli allora riformati Bluesbreakers con i quali resterà per dieci anni e registrerà ben sette album. Il suo slidin’, il suo intrigante stile, le sue appassionate improvvisazioni e la capacità di interpretare i traditional del blues, condurranno Coco Montoya in quel pool di chitarristi blues a cui fare riferimento.
In quanto alla sua carriera da solista, Montoya esordisce con Gotta Mind To Travel (1995), seguito da Ya Think I’d Know Better (1996), Just Let Go (1997), Suspicion (2000), Can’t Look Back (2002), Dirty Deal (2007), I Want It All Back (2010), Song From The Road (2014), Hard Truth (2017), Coming In Hot (2019) e l’ultimo capitolo discografico del 2023, titolato Writing On The Wall.

Prodotto dal vincitore di Grammy Tony Braunagel (Bonnie Raitt, Taji Mahal) in tandem con Jeff Paris (Keb Mo, Bill Whiters), Writing On The Wall snocciola una manciata di tracce variegate e tutte pervase dello spirito blues dell’instancabile chitarrista e cantante californiano, classe 1951, supportato dalla sua band di lunga data – Jeff Paris (tastiere, pianoforte), Nathan Brown (basso)...

l'articolo continua...

e Rena Beavers (batteria) – e da un interplay coeso e papabile, traccia per traccia.

Apre le danze il minor blues di I Was Wrong e mette subito in chiaro le cose: in questo brano che parla con schiettezza dei rimpianti per un amore perduto, e che riecheggia All Your Love di Otis Rush ma in salsa Bluesbreaker, Montoya ruggisce come ai bei tempi con il suo playing passionale ed un suono di chitarra caldo e medioso, sicuramente tra quelli che distinguono la storia della chitarra blues. Come si diceva sopra, i variegati umori del blues animano l’album in questione ed infatti ecco la titletrack che vira nei lidi del boogie blues, il dinamico A Chip And A Chair che vira nel boogie woogie (impreziosito dalla slide guitar di Lee Roy Parnell in tandem con Montoya), ed una traccia come Baby, You’re A Drag (in tandem con Ronnie Baker Brooks) per uno shuffle blues da manuale. Writing On The Wall aggiunge alla scaletta appassionate rivisitazioni di alcuni gioiellini della storia del blues e Be Good To Yourself (di Andy Fraser dei Free), You Got Me Where You Want Me (di Bobby “Blue” Bland) e Stop (di Lonnie Mack) ne sono una tangibile testimonianza.

In conclusione, Writing On The Wall restituisce uno straordinario Coco Montoya e quello spirito blues che gli appartiene, autentico e suonato con rispetto. E questo è ciò che conta su tutto.

Podcast

Album del mese

RUBBER BAND
About Time
GT Music

Si intitola About Time il nuovo album della Rubber Band, ed è una limpida fotografia delle influenze di cui si nutrono da oltre venti anni:...

SILVIO BARISONE
Multicolor
Preludio Music

Parlando del precedente lavoro di Silvio Barisone, Inside, uscito nel 2021, avevamo fatto accenno al caleidoscopico universo sonoro che contraddistingue da sempre l’autore: un...

DAVIDE MASTRANGELO
Sussidiario di Chitarra Fingerstyle
Wakepress

Chitarrista, insegnante, compositore e arrangiatore, Davide Mastrangelo è considerato uno dei riferimenti della chitarra acustica fingerstyle sul territorio nazionale. ...