JOANNE SHAW TAYLOR Nobody’s fool

di Dario Guardino
01 febbraio 2023

recensione

JOANNE SHAW TAYLOR
Nobody’s fool
KTBA Records
Joanna Shaw Taylor ha appena 16 anni quando Dave Stewart (Eurythmics) scopre il suo talento; la giovane chitarrista/cantante britannica, infatti, il rock/blues ce l’ha da sempre nelle vene e la chitarra, una Fender Telecaster nella gran parte dei casi, è la sua fedele compagna di viaggio.

White Sugar (2009) è il disco d’esordio della giovane Taylor (classe 1985), seguito negli anni da una manciata di ulteriori album, da una statura artistica che via via cresce e matura (si aggiudica il British Blues Award 2010), dalla stima di blasonati colleghi (Stevie Wonder su tutti), e dal riscontro di un pubblico tanto entusiasta da rendere soldout ogni suo show.

Nel 2021 la Taylor pubblica The Blues Album (prodotto niente di meno che da Joe Bonamassa) aggiudicandosi copiosi plausi, premi e riconoscimenti. Fra le tracce vi è Can’t You See What You’re Doing To Me ed il video che viene girato per la promozione, sfodera addirittura la presenza di Kenny Wayne Shepherd; ormai la Taylor rappresenta una delle solide realtà del firmamento del blues contemporaneo. Nobody’s Fool (2022) è l’ultimo capitolo discografico della Taylor, registrato ai Sunset Sound di Los Angeles e di nuovo con Bonamassa...

l'articolo continua...

in cabina di regia.

Nono album per la bionda chitarrista/cantante britannica, Nobody's Fool è anche il titolo della traccia di apertura, un gradevole shuffle blues con una linea melodica cantabile ed il classico fat-guitar-tone della stessa Taylor. Bad Blood sembra uscire direttamente dalla colonna sonora di “Pulp Fiction”, con l’immancabile effetto tremolo ed un sound decisamente contemporaneo, mentre New Love è impreziosito da una sezione fiati a dir poco pulsante: il brano più ispirato della tracklist, che catapulta l’ascoltatore in piena epoca Motown; stupendo e viscerale l’assolo della Taylor, gusto da vendere ed un vibrato da far tremare i polsi.

Non mancano episodi di matrice più smaccatamente pop, come Won’t Be Fooled Again, un tuffo negli anni Ottanta, sia a livello di sound che sotto l’aspetto melodico, che fa un po' il verso all’ultimo di John Mayer. Decisamente toccante, infine, Fade Away, la ballad più riuscita dell’album, con tanto di archi che arricchiscono la linea melodica senza appesantirne il tessuto armonico.

Probabilmente Nobody’s Fool non tocca i vertici compositivi del predecessore (The Blues Album) ma resta di fatto un buon album, sia riguardo all’aspetto compositivo, sia riguardo alla ricerca del sound: un album che rivela la maturità compositiva raggiunta dalla Taylor, a suo agio anche nei brani non necessariamente di matrice blues. Segno di una indiscussa versatilità.

Due parole riguardo al gear utilizzato dalla Taylor per questo album: una Esquire del 1966 (acquistata a Londra nell’iconica Denmark Street, alla quale è stato aggiunto un Fender Jazz HB al manico) la fa da padrona, alternata ad una Fender Telecaster Albert Collins (la versione con i Wide Range): scelte certamente non convenzionali rispetto alle più classiche adottate dal blues. Tre pedali
completano l’arsenale della Taylor: due Ibanez TS9 vintage utilizzati in cascata, ed un ElectroHarmonix Holy Grail Reverb.

Podcast

Album del mese

Maria Teresa Soldani
"MADE IN USA" Sonic Youth tra indie, pop e cinema
Mimesis Edizioni

Con una narrazione articolata in 152 pagine, l’autrice Maria Teresa Soldani analizza il ruolo paradigmatico dei Sonic Youth nell’avvento della cultura indie/alternative,...

BILL FRISELL
Orchestras
Universal

Il trio è il format prediletto da Bill Frisell e non è un caso che il celebre chitarrista statunitense abbia imbastito una formazione stabile con...

RUBBER BAND
About Time
GT Music

Si intitola About Time il nuovo album della Rubber Band, ed è una limpida fotografia delle influenze di cui si nutrono da oltre venti anni:...