SCOTT METZGER Too Close To Reason

di Umberto Poli
03 ottobre 2022

recensione

SCOTT METZGER
Too Close To Reason
Royal Potato Family
Capita a volte di imbattersi in dischi tanto belli quanto poco noti al grande pubblico, conosciuti per lo più da addetti ai lavori o da specifiche e ben localizzate nicchie di ascoltatori. È il caso di Too Close To Reason e ancor più del suo autore, il chitarrista Scott Metzger, nato nel 1977 a Trenton in New Jersey. Ma procediamo con ordine.

Metzger è un professionista assai apprezzato in patria (tra le sue numerose collaborazioni, figurano Phil Lesh, John Scofield, Nels Cline), un improvvisatore originale e membro attivo di Joe Russo’s Almost Dead, WOLF!, Showdown Kids. Too Close To Reason è il suo debutto in solitaria e, come spesso è successo nel corso dei due anni appena trascorsi, prende le mosse dalle fasi più dure, stringenti della pandemia, quelle dei lockdown generalizzati a livello globale. Fortunatamente - e non è soltanto l’esperienza di Metzger a testimoniarlo - da quei mesi terribili tanta nuova musica è sgorgata prendendo forme differenti, talvolta davvero imperdibili.

Too Close To Reason è un album per sola chitarra, ideato e inciso a Brooklyn dal nostro con gusto, idee e sensibilità straordinarie. Le dodici tracce che compongono il...

l'articolo continua...

lavoro guidano l’ascoltatore in un mondo delicato di suoni, idee, incastri armonici e melodie che si inseguono con grazie e naturalezza. A partire dall’ouverture affidata all’evocativa Appropriate Wattage , si passa dal folk di Don’t Be a Stranger al virtuoso  sperimentalismo di Damage fino alle tinte spagnoleggianti di Cafe Hidalgo . In Too Close To Reason , però, tutto è misurato, calibrato sulla base dell’esperienza di un navigato artigiano delle sei corde. Non esistono note fuori posto nè tanto meno passaggi superflui: la tracklist scorre fluida, alimentando la voglia e la curiosità di proseguire nella progressiva scoperta delle tracce.

Gli episodi più interessanti o, se vogliamo, più ispirati nell’ambito di un disco che certo non manca di picchi di fulgida bellezza rispondono a titoli quali Waltz For Beverly, Asking For A Friend, Only Child, At Your Service. Too Close To Reason mette in luce il lato più meditativo del compositore americano, ma non questo meno affascinante. Anzi, ora che il quadro è completo non resta che seguire con attenzione le prossime mosse di Metzger: un artista unico, capace di miscelare con intelligenza le proprie influenze (Chet Atkins, Django Reinhardt, Jim Hall, Richard Thompson) e di trasformarle per mezzo di un tocco ormai sicuro, efficace, pienamente riconoscibile.

Podcast

Album del mese

GARY MOORE
Different Beat
BMG

Anno 1999 – Con il controverso "Different Beat" Gary Moore si avventura tra suoni sintetici, ritmi dance e campionamenti, allontanandosi dai territori del blues...

NICKELBACK
Get Rollin'
BMG

Raccogliendo 15 brani solidi, congrui, genuinamente rock e con un’anima melodica sempre ben in evidenza, l’album apre con San Quentin, il singolo radio-friendly che ha...

BUDDY GUY
The Blues Don’t Lie
RCA Records

L’ho promesso a tutti loro – B.B., Muddy, Sonny Boy… – sino a quando rimarrò in vita, farò di tutto per tenere vivo il blues....