The Wood Brothers "Heart Is The Hero"

di Umberto Poli
08 marzo 2023
Giunti alla boa dell’ottavo disco in studio, Chris e Oliver Wood – in arte The Wood Brothers – sfornano quello che suona sia come l’ennesima sfida vinta, sia come il loro capolavoro. "Heart Is The Hero" contiene dieci tracce mature, compiute ed in presa diretta, di un ormai consolidato interplay e di un mélange sonoro che, volontariamente, rifugge ogni tentativo di catalogazione.
L’album è stato registrato a Nashville (Tennessee) da Brook Sutton presso The Studio con un registratore analogico a 16 tracce. Mixato da Trina Shoemaker (moglie, per gli appassionati della canzone d’autore a stelle e strisce, del songwriter Grayson Capps).

Oliver Wood si conferma chitarrista eccellente e versatile, le cui ritmiche, ancora più che in passato, sono il perfetto mix di cesello e devozione alla forma-canzone: mai una nota di troppo, incastri serrati con le linee di basso del fratello ed un groove che, assieme anche al contributo ritmico del talentuoso Jano Rix, non lascia scampo. Notevole a tal proposito la strumentazione di quest’ultimo il quale, oltre a giostrarsi fra pelli e tastiere rendendo unica la formula del trio, contempla anche una particolare chitarra da percuotere, la Shuitar, ideata dal liutaio Matt Glassmeyer, presente nel disco in veste di ospite al sassofono.



l'articolo continua...

Circa le scelte dei fratelli Wood si potrebbe rispolverare il classico detto che recita “formula che vince non si cambia”: entrambi, infatti, sin dai primi vagiti della loro produzione discografica si affidano a gear più che rodati.
Oliver Wood utilizza splendide chitarre acustiche, quali Harmony Cremona archtop del 1950, Gibson L-00 del 1937 e Gibson CF-100 del 1953. Sul fronte elettrico, una Guild T-100D del 1960 collegata ad un Fender Champ Blackface Amp. Corde DR.
In quanto a Chris Wood, il suo equipment è costituito da Hofner Bass, Ashdown Amp e armoniche Seydel.

"Heart Is The Hero" è un album da gustare appieno e con i giusti tempi, senza fretta. Brani come "Pilgrim" spronano l’ascoltatore a porsi come osservatore attento e partecipativo; mentre altri, come "Rollin’ On", ricordano che l’amore è quella luce in grado di guidare l’uomo sempre e ovunque, anche nei momenti più bui; altri ancora, come "Line Those Pockets", si concentrano sul tema della comprensione e dell’empatia in contrapposizione al dilagante materialismo della società odierna.

Insomma, l’intera tracklist è un invito in musica ad accantonare le rigide tabelle di marcia della quotidianità. D’altronde, per citare nuovamente "Pilgrim", il primo formidabile singolo apripista… better slow down / ‘cause a soul can’t travel that fast.

Podcast

Album del mese

Garrison Fewell
Improvvisazione Jazz per Chitarra
Volonté & Co

Chitarrista jazz statunitense, classe 1953, e rispettato maestro dell’improvvisazione, Garrison Fewell è scomparso nel 2015 lasciando in eredità album e live performance di gran pregio...

Riccardo Corso
Electric Vibe
Zingar Music/Geko Muzic

"Electric Vibe" è l’esordio discografico di Riccardo Corso, là dove egli spazia dal rock più energico, corroborato spesso da venature fusion, ad intense ballad con...

Riccardo Zappa
Gabri Flies To Italy
M.P. & Records

Un percorso chitarristico iniziato negli anni Settanta (il suo primo album solista è del 1977) e che prosegue a tutt’oggi: ebbene, a quasi 50 anni...