Hyaena "Metamorphosis Revisited"

Maurizio Mazzarella 06 ott 2016
Hyaena sono la formazione toscana che, tra la fine degli Ottanta e l’inizio dei Novanta, ha dato un contributo essenziale alla scena heavy metal tricolore. Nel 1987 la band aveva dato vita a un demo di valore, ovvero quel "Metamorphosis", che ripropongono ora in versione album con il titolo "Metamorphosis Revisited".

Nel corso del tempo la band toscana si è riunita, inglobando al suo interno due membri storici (il chitarrista Gabriele Bellini e il batterista Ross Lukather, ex Death SS) e dando il benvenuto a Isabella Ferrari (al basso) e a Claire Briant (voce). E’ nata quindi l’idea di rivisitare quel "Metamorphosis" che aveva consegnato loro il successo: registrandolo con la formazione attuale, con l’ausilio di apparati moderni, e con l’aggiunta di una chicca, ovvero, la cover di Phenomena messa a chiusura della scaletta.

"Metamorphosis Revisited" contiene sette gemme e mostra una band in grande spolvero ed in piena sintonia, impegnata a sfoderare brani con un appeal attualissimo, nonostante il loro mood in tipico stile anni Ottanta. Apre "Metamorphosis", componimento di oltre sette minuti e che, non solo evidenzia lo stato di grazia di Bellini alla chitarra e Lukather alla batteria, ma esalta la voce della Briant, già marchio indelebile della ...
l'articolo continua  

info recensione

Hyaena
Metamorphosis Revisited
Qua Rock Records
nuova versione degli Hyaena.

Segue "Wrathchild", che non è la cover degli Iron Maiden, ma uno dei grandi classici degli Hyaena: un brano dai ritmi forti e possenti, che comunque lascia spazio alle sfumature iper-melodiche atte a rimarcare la liricità della voce (di Claire Briant). Il resto è una sorta di rullo compressore all’ennesima potenza: Ross dietro i tamburi è una macchina da guerra, mentre Bellini conferma la sua versatilità in ogni frangente. "No Man’s Land" è un brano più accessibile, morbido nel suo insieme: una ballata metal che non rinuncia a momenti energici e taglienti, atti ad esaltare il basso della Ferrari, che corre come una Testa Rossa all’occorrenza.

Si giunge quindi a "Behind The Wall" (brano compatto e palpabilmente metal, classico tributo alla scena inglese dell’epoca, in una sorta di mix tra Saxon e Judas Priest), mentre "Kill Without Mercy" (che sembra uscito dalla penna dei Mercyful Fate o King Diamond), offre all’ascoltatore chitarre tagliente e dinamiche particolarmente incisive.
Arriva quindi l’atteso "Scream Of Savannah", brano che si differenzia dai precedenti della scaletta per quelle trame più thrash e probabilmente vicine al metal statunnitense dei Vicious Rumors ancora molto in voga, facendo degli Hyaena un combo variegato in quanto ad espressione stilistica.

La chiosa è affidata a "Phenomena", una cover che mostra la caratura di una band che nel suo passato avrebbe meritato di raggiungere consensi maggiori, e che oggi si ripropone con importanti aspettative. Insomma, Metamorphosies Revisited è un biglietto da visita niente male per i (bentornati) Hyaena!

© 2016 Il Volo Srl Editore - All rights reserved - Reg. Trib. n. 115 del 22.02.1988 - P.Iva 01780160154