ISproject

Gaetano Menna 21 dic 2017
Sono le loro medesime iniziali ad aver suggerito a Ivan Santovito e Ilena Salvemini, il nome del loro combo di rock progressive, ISpROJECT, esordendo ora con “The Archinauts”, un concept particolare sull’uomo che influisce su architettura, città e natura.
“Tutti noi siamo archinauti…” – dichiarano i due giovani vocalist pugliesi –“interagiamo con il mondo e molto spesso non lo apprezziamo abbastanza…”

Supporta i due giovani artisti Fabio Zuffanti, bassista genovese ed uno dei più noti del cosiddetto rinascimento progressivo, qui nelle vesti di produttore ed a suonare è praticamente la Z-Band con un ospite speciale: Martine Grice (lo storico sassofonista/flautista dei Delirium).

Un album di neo-prog maturo, eclettico, complesso e immaginifico. Un album che che pone in evidenza le composizioni e le voci calde ed appassionate dei due leader, sempre in grado di emergere tra trascinanti cavalcate di chitarre, tastiere e fiati.
Un album, infine, che punta sulle visioni, sulle architetture sostenibili che proiettano verso l’alto… come fa comprendere peraltro la copertina di Maurizio Barberio.

info recensione

ISproject
The Archinauts
AMS Records

© 2016 Il Volo Srl Editore - All rights reserved - Reg. Trib. n. 115 del 22.02.1988 - P.Iva 01780160154