Overkill "The Grinding Wheel"

Francesco Sicheri 07 apr 2017
Gli Overkil non sono qui per reinventare la ruota (dentata, visto il titolo in questione), ma piuttosto tornano su Nuclear Blast per mettersi alle spalle un altro buon capitolo discografico e procedere imperterriti lungo la propria strada, testimoniando così come la band goda di ottima salute. L’opening track sbuca dalle cuffie e le sorprese si susseguono in maniera repentina, lasciando persino poco spazio alla razionalizzazione lungo l’intera durata della traccia. Ad inizio ascolto l’impressione generale, confermata subito dall secondo brano, Goddamn Trouble, è quella di essere di fronte ad un disco ricco di dettagli, enfatizzati da una produzione che si dimostrerà il vero fiore all’occhiello dell’album.

Non si vuol certo sminuire il lavoro della band in quanto a songwriting, sempre in linea con ciò che il gruppo ha mostrato in passato, pur aggiungendo di tanto in tanto qualche elemento inedito, il fatto è che la produzione del lotto gode di una perizia e di un’accuratezza in grado di elevare di rango anche gli spunti musicali più “scontati” per una band di questo tipo. In The Grinding Wheel ci sono tonnellate di riff thrash, c’è qualche elemento prog di contorno, ma c’è soprattutto tanto del furore punk, e proprio quest’ultimo ...
l'articolo continua  

info recensione

Overkill
The Grinding Wheel
Nuclear Blast
l’altro elemento in grado di far scorrere velocemente una scaletta composta da brani molto corposi (il più breve manca di poco i cinque minuti).

A tirare le fila della scaletta, che, malgrado molteplici spunti positivi, comunque pecca di leziosità in alcuni frangenti, giungono alcuni dettagli che gli appassionati non potranno evitare di notare. Come Heavy, sorretta da un riff ferale, mastodontico, e a tratti plumbeo, lascia risuonare campane d’eco sabbathiana, performance in cui la voce di Bobby Blitz compie una delle sue prove più particolareggiate. È però il citazionismo di The Long Road a far vibrare le corde più forti: l’introduzione del brano sembra voler richiamare celebri passi di Fade To Black dei Metallica, mescolandoli ad un’armonizzazione che avrebbe potuto tranquillamente far capolino in un album dei Maiden. È una buona prova quella della band originaria del New Jersey, che al servizio di una produzione eccellente, mette in campo costanza, una giusta dose d’intraprendenza, e immutata, devastante, attitudine.

© 2016 Il Volo Srl Editore - All rights reserved - Reg. Trib. n. 115 del 22.02.1988 - P.Iva 01780160154