Andrea Balestra - "Lucid Dreams"

Francesco Sicheri 10 gen 2017
Dalla scena losangelina arriva un nuovo interessante exploit chitarristico firmato Andrea Balestra, giovane musicista nato a Messina e trasferitosi in California per intraprendere una carriera degna di encomio. Lucid Dreams Ep arriva a tre anni di distanza da Painting On Silence, album che aveva mostrato la poliedricità di Balestra in una manciata di brani arricchiti dalle prestigiose aggiunte di musicisti quali Carl Verheyen, Scott Henderson, Julien Kasper e Dave Hill.

La nuova mini-produzione ci consegna quattro brani, due inediti e due re-interpretazioni, dalle quali emerge in maniera forte la vena jazz che animava anche il precedente LP, ma che in quest’occasione, grazie al carburante funk rintracciabile in tutte e quattro le tracce, risulta stemperata delle sue tinte più cupe. Al servizio del progetto questa volta troviamo Alejandra Arellano (batteria), Daniel Roberts (basso) e John Urban (contrabbasso), con l’aggiunta della voce di Tiffany Lantello per la rivisitazione di Summertime, famoso brano di George Gershwin.

Solitamente è difficile riuscire a provare un senso di completezza nel momento in cui si termina l’ascolto di un Ep ed anche Lucid Dreams non fa eccezione, ma sicuramente risulta essere un prodotto ben ragionato e conchiuso pur ...
l'articolo continua  

info recensione

Andrea Balestra
Lucid Dreams
Jungle Strut Music
non arrivando ai quindici minuti totali di musica. I brani, siano essi i due inediti, The Rhyme e West Of The One, o siano i tributi a Jerome Kerns e Gershwin, All The Things You Are e Summertime, sono collegati da un fil rouge che lavora su di un piano intellettuale in maniera continuativa.

Ascoltando Lucid Dreams si percepisce un processo di sviluppo comunicativo che cammina di pari passo con l’ascolto, e procede fra i brani elaborando un concetto musicale che dialoga apertamente con l’ascoltatore grazie alla voce della chitarra di Balestra, protagonista sempre discreta e sensibile nel non voler mai adombrare i suoi colleghi.

È un vero peccato che Lucid Dreams si esaurisca così velocemente, perché al termine di Summertime si rimane con il chiaro desiderio di voler ascoltare molto di più. Lucid Dreams è un piccolo gioiello, quattro brani di ottimo artigianato musicale e di sublime fattura, che senza dubbio lasciano ben sperare per future e ben più corpose pubblicazioni.

© 2016 Il Volo Srl Editore - All rights reserved - Reg. Trib. n. 115 del 22.02.1988 - P.Iva 01780160154