Ivano Icardi - "So Far Away"

Francesco Sicheri 02 gen 2017
Il suo debutto solista, avvenuto nel 2013, è stato Walking With The Giants, album che aveva immediatamente colpito l’attenzione per la perizia delle sue composizioni; a distanza di tre anni dal capitolo d’apertura Ivano Icardi torna a farsi sentire con un album preannunciato e atteso dagli addetti ai lavori con giustificate aspettative. Il riff d’introduzione che apre The Freeman suona come la sveglia necessaria al mettere subito in chiaro l’intenzione di Icardi per questo nuovo lavoro, ovvero quella di continuare a lasciare in disparte i fronzoli e far sì che sia la musica a parlare, con la chitarra, ovviamente, a prendere il ruolo d’alfiere.

Che questo sia “solamente” il secondo album solista di Icardi è fattore di poco conto, in quanto, come molti lettori già sapranno, siamo di fronte ad un musicista di lunga esperienza, elemento che subito emerge palese fin dalla traccia d’apertura del disco e prosegue fino alla conclusiva (suggestiva ed intimista) Voices From The Past. Se il predecessore poteva essere considerato come un corposissimo biglietto da visita, So Far Away sembra aver percorso la strada ricevuta in eredità, proseguendo ed ampliando gli orizzonti, con il risultato di aver posto sotto ...
l'articolo continua  

info recensione

Ivano Icardi
So Far Away
Soundiva
luce nuova dettagli e sfumature inedite.

Da Fuego (nella quale i vari appassionati potrebbero riconoscere più di un elemento d’estrazione vaughaniana), passando per il “chillin’ mood” di Los Angeles, fino alle fitte trame country di Redneck Rampage (ma di brani da citare ce ne sarebbero sicuramente altri), il nuovo So Far Away è la logica prosecuzione di un percorso intrapreso con grande gusto grazie all’album di debutto, del quale sembra però essere anche una versione più trasversale nel suo mostrare in maniera approfondita le tante vesti chitarristiche ed espressive di Icardi.

So Far Away gode del grande supporto di Lorenzo Poli al basso ed Elio Rivagli alla batteria, interpreti che non avrebbero potuto trovare miglior modo di supportare la realizzazione di questo nuovo lotto d’inediti. A rifinire al meglio una produzione che mette in mostra in maniera potente il sound per cui Icardi si distingue da anni, ci sono i contributi di nomi altisonanti come quelli di Kenny Aronoff (sul brano Los Angeles) e John Giblin (su Children), ai quali si aggiungono anche Fabrizio Grossi e Dado Neri (entrambi al basso elettrico), ed Alessandro Alessandroni Jr. per quanto riguarda alcune tracce di tastiera.

In definitiva non si può che dire che le aspettative riposte in questo nuovo album firmato Ivano Icardi sono più che mai soddisfatte, grazie ad una tracklist variegata, sorretta da una verve compositiva solida e capace, grazie ad elementi accomunanti, di tirare un fil rouge lungo tutto l’ascolto, anche in momenti stilistici estremamente diversi fra di loro.

© 2016 Il Volo Srl Editore - All rights reserved - Reg. Trib. n. 115 del 22.02.1988 - P.Iva 01780160154